Progetti conclusi COMO

L’Ufficio di coordinamento per la mobilità sostenibile COMO promuove idee e progetti innovativi nel settore della mobilità sostenibile. Il seguente elenco mostra tutti i progetti dal 2015 che sono stati conclusi e sostenuti finanziariamente nell’ambito di COMO. I progetti ancora in corso si trovano sulla pagina Progetti in corso.

Dal 2006 al 2014 sono stati sostenuti progetti di mobilità innovativi nell’ambito del programma DZM (Centro di servizi per una mobilità innovativa e sostenibile), precedente a COMO. Trovi una panoramica di questi progetti sulla pagina dell’Ufficio federale dello sviluppo territoriale ARE.

Progetti conclusi 2018

     

Nelle maggiori città svizzere viene creata un'offerta per il noleggio di bici cargo elettriche su tutto il territorio. Una bici cargo, ossia una bici da carico elettrica, permette di trasportare fino a 100 kg o due bambini piccoli. Le bici cargo possono essere noleggiate a ore attraverso un'apposita app presso una cosiddetta "stazione ospitante" (ad es. una panetteria).

  • Costo totale del progetto: CHF 600'000.–
  • Contributo del COMO: CHF 125'000.–
  • Durata: 2017–2018
  • Contatto: Mobilitätsakademie, Jonas Schmid, jonas.schmid-moak@tcs.ch
  • Ulteriori informazioni: www.carvelo2go.ch

Obiettivi

  • Far affermare le bici cargo elettriche come mezzo di trasporto urbano sostenibile.
  • Risparmio di emissioni di CO2 grazie agli spostamenti con le bici cargo invece che in auto.
  • Offerta di bici cargo in tutto il territorio delle città svizzere.

Risultato

  • Più di 160 nuove biciclette elettriche da trasporto sono state messe in servizio in varie città della Svizzera tedesca, della Svizzera francese e a Bellinzona nel Canton Ticino.
  • Al termine del progetto, 33 delle 45 città svizzere con più di 20 000 abitanti avevano un’offerta carvelo2go. La copertura di carvelo2go nell’Altopiano è molto buona; c’è ancora un potenziale di ulteriore espansione dell’offerta nella Svizzera orientale, nei Grigioni, nel Vallese e nel Ticino.
  • Con il lancio dell’app carvelo2go la procedura di prenotazione è stata semplificata, ad es. la ricerca per località, la migliore panoramica delle prenotazioni e l’estensione di una prenotazione mentre si è in viaggio.
  • Durante la fase pilota, si sono registrate in media 1800 prenotazioni al mese nei mesi estivi, superando chiaramente l’obiettivo di 1000 prenotazioni al mese.

Rapporto finale (in tedesco)

     

Nella regione Appenzello Esterno – S. Gallo – Lago di Costanza la rete stradale viene destinata a un uso concreto, come ad esempio al traffico ciclistico, all'agricoltura o al collegamento per l'economia e la popolazione. In tal modo si intende risparmiare sui costi di manutenzione e migliorare anche gli itinerari ciclistici.

  • Costo totale del progetto: CHF 109'800.–
  • Contributo del COMO: CHF 43'920.–
  • Durata: 2016–2018
  • Contatto: Regio Appenzell AR - St. Gallen - Bodensee, Rolf Geiger, rolf.geiger@regio-stgallen.ch

Obiettivi

  • Valorizzare i percorsi pedonali e ciclabili: se un tratto stradale viene attribuito maggiormente al traffico pedonale e ciclistico, i rispettivi bisogni avranno la priorità al momento della pianificazione.
  • Ridurre i costi per la manutenzione della rete stradale comunale.
  • Elaborare una guida contenente le conoscenze acquisite e la procedura consigliata per permette di portare il progetto anche in altre regioni.

     

Nei Comuni viene creata una rete per il noleggio di bici cargo elettriche. Le bici cargo sono parcheggiate presso una postazione situata in posizione centrale nel Comune e possono essere utilizzate da diversi gruppi di utenti: amministrazione comunale, PMI, associazioni e privati.

  • Costo totale del progetto: CHF 240'000.–
  • Contributo del COMO: CHF 80'000.–
  • Durata: 2016–2018
  • Contatto: Mobilitätsakademie, Jonas Schmid, jonas.schmid-moak@tcs.ch
  • Ulteriori informazioni: www.carvelo.ch

Obiettivi

  • Permettere ai Comuni di sperimentare la mobilità condivisa (la cosiddetta shared mobility): usare invece di possedere.
  • Risparmiare emissioni di CO2 sostituendo gli spostamenti in auto con gli spostamenti con le bici cargo: grande efficacia grazie ai diversi gruppi target.
  • Elaborare un modello di business che può essere riprodotto facilmente da altri Comuni e permetterne così una rapida diffusione.

Risultato

  • In totale sono state messe in servizio 61 nuove biciclette da trasporto in 31 Comuni della Svizzera tedesca, della Svizzera romanda e del Ticino.
  • Le biciclette da trasporto sono state prese a noleggio soprattutto nei Comuni vicini a città, come Carouge, Köniz e Riehen. Queste località hanno beneficiato della notorietà dell’offerta carvelo2go già esistente nella città limitrofa.
  • Le bici da trasporto sono utilizzate più di frequente per il trasporto di bambini nel tempo libero e fare shopping e commissioni varie.
  • Per quasi la metà degli utenti, la bici da trasporto ha sostituito un giro in auto privata o in auto condivisa.

Rapporto finale (in tedesco)

     

Scopo del progetto è affermare Braunwald come «località senza auto». A tale scopo vengono adeguate e attuate sistematicamente, in collaborazione con gli attori rilevanti, le attuali basi regolamentari e di altra natura.

  • Costo totale del progetto: CHF 223'200.–
  • Contributo del COMO: CHF 50'000.–
  • Durata: 2016–2018
  • Contatto: Gemeinde Glarus, Standortförderung, Urs Keiser, urs.keiser@glarus-sued.ch
  • Ulteriori informazioni: www.braunwald.ch

Obiettivi

  • Attuazione sistematica delle prescrizioni per l'acquisto e l'immatricolazione dei veicoli.
  • I veicoli che circolano a Braunwald corrispondono alla particolarità del luogo e al suo posizionamento come «Braunwald senza auto».
  • Nessun aumento dei chilometri percorsi dal trasporto individuale motorizzato a Braunwald anche in caso di aumento del turismo.

Risultato

  • È stata fondata un’associazione con l’obiettivo di controllare l’acquisto di veicoli nuovi immatricolati a Braunwald e di colmare così il gap finanziario (supplemento di prezzo dei veicoli con sistemi di propulsione alternativi rispetto ai veicoli convenzionali con motore a combustione interna).
  • Nel medio termine circa 35 veicoli ad uso commerciale dovranno essere sostituiti da veicoli a trazione elettrica allo scopo di ridurre l’inquinamento acustico e le emissioni di CO2.

Rapporto finale (in tedesco)

     

L'attuale rete di bike sharing di Locarno viene ampliata su zone estese del Locarnese. La rete di bike sharing comprenderà 15 Comuni, per una popolazione totale di 60 000 abitanti. Nelle postazioni di noleggio saranno disponibili biciclette sia tradizionali sia elettriche.

  • Costo totale del progetto: CHF 337'500.–
  • Contributo del COMO: CHF 60'000.–
  • Durata: 2016–2018
  • Contatto: Stadt Locarno, Ufficio Tecnico Comunale, Luigi Conforto, conforto.luigi@locarno.ch
  • Ulteriori informazioni: www.velospot.info

Obiettivi

  • Estensione della rete di bike sharing ai 15 Comuni interessati.
  • L'intera rete del Locarnese (inclusa la rete attuale di Locarno) comprenderà alla fine 97 postazioni e 487 biciclette.
  • Vendita di 1500 abbonamenti annuali e 3000 carte giornaliere.

Risultato

  • Il progetto «Bike Sharing Locarnese» è stato solennemente inaugurato e messo in funzione nell’estate del 2018.
  • Vi hanno aderito 15 Comuni con un totale di 96 stazioni di bikesharing.
  • A causa della topografia collinare della regione, la maggior parte delle biciclette a noleggio sono elettriche (per un totale di 269 bici elettriche e 220 bici tradizionali).

     

Grazie alla creazione di una rete capillare di spazi coworking in Svizzera, VillageOffice riporta il lavoro vicino a casa. Si riduce così la necessità di spostarsi e si favorisce lo sviluppo di uno stile di vita più locale.

  • Costo totale del progetto: CHF 2'344'000.–
  • Contributo del COMO: CHF 224'000.–
  • Durata: 2016–2018
  • Contatto: VillageOffice Genossenschaft, David Brühlmeier, david.bruehlmeier@villageoffice.ch
  • Ulteriori informazioni: www.villageoffice.ch

Obiettivi

  • Cambiare il comportamento in termini di mobilità decentralizzando maggiormente i luoghi di lavoro.
  • Ridurre il flusso di pendolari sia nel trasporto individuale motorizzato che nel trasporto pubblico.
  • Rafforzare le comunità locali.

Risultato

  • L'offerta ha leggermente superato gli obiettivi del progetto: 60 spazi coworking (obiettivo: 50) hanno aderito alla rete di VillageOffice.
  • Gli obiettivi in termini di domanda non sono chiaramente stati raggiunti: sono stati acquistati 53 abbonamenti (obiettivo: 800), tuttavia il feedback delle aziende partecipanti è stato positivo.
  • Prova dell'efficacia: per il tragitto verso gli spazi coworking, vengono scelti più spesso mezzi di trasporto rispettosi dell'ambiente (ad es. spostamenti a piedi, in bicicletta o con i trasporti pubblici).
  • Prova dell'efficacia 2: il tragitto verso uno spazio coworking è più breve rispetto a quello verso il posto di lavoro abituale.

Rapport finale (in tedesco)

     

In Svizzera sempre più merci vengono trasportate in piccole quantità, il che si traduce in mezzi di trasporto carichi a metà, in particolare nelle regioni rurali. Ciò si ripercuote in modo negativo sulle infrastrutture stradali e sull'economicità e causa emissioni di CO2 per pacco al di sopra della media. Attraverso un progetto viene testata la collaborazione di due servizi di spedizione che, nel Cantone di Uri, consegnano i pacchi congiuntamente.

  • Durata: 2017–2018 (interrotto)
  • Contatto: Hochschule Luzern - Wirtschaft, Roger Sonderegger, roger.sonderegger@hslu.ch

Obiettivi

  • Migliore sfruttamento della capacità dei veicoli impiegati per la consegna dei pacchi nelle regioni rurali.
  • Riduzione delle corse e conseguente protezione dell'infrastruttura stradale, riduzione delle emissioni di CO2 e locali nonché del rumore.
  • Test della fattibilità nella prassi e risposta a domande aperte, ad esempio concernenti la logistica e l'informatica.

Risultato

Il progetto è stato interrotto e non ha potuto essere portato a termine.

     

Scopo del progetto è semplificare l'accesso ai parcheggi per biciclette presenti nelle stazioni ferroviarie e nelle loro vicinanze, così da migliorare l'offerta della mobilità combinata. Il progetto deve, da una parte, incentivare i costruttori a sviluppare sistemi di accesso compatibili da una città all'altra e, dall'altra, facilitare i Comuni nella realizzazione di parcheggi per biciclette.

  • Costo totale del progetto: CHF 91'000.–
  • Contributo del COMO: CHF 36'000.–
  • Durata: 2017–2018
  • Contatto: Pro Velo Schweiz, Valérie Sauter, valerie.sauter@pro-velo.ch
  • Ulteriori informazioni: www.velostation.ch

Obiettivi

  • Catalogo dei requisiti e capitolato d'oneri rivolti a costruttori e Città per l'implementazione o la modifica dei sistemi di accesso.
  • Perfezionamento dei sistemi di accesso già disponibili sul mercato in funzione delle esigenze dei parcheggi per biciclette e della clientela.
  • Maggior numero di parcheggi per biciclette compatibili (con lo SwissPass e con altri eventuali strumenti di accesso o pagamento).

Risultato

  • È stato richiesto il parere dei gestori dei parcheggi per biciclette, al fine di ottenere una prima valutazione dei sistemi di accesso a tali parcheggi.
  • Sono stati creati un catalogo di requisiti e due capitolati d'oneri, che facilitano l'attuazione di sistemi di accesso unitari ai parcheggi per biciclette.

Rapport finale (in francese)

     

Il Canton Vallese appronterà una guida per la sistemazione di stazioni ferroviarie regionali attraenti e rispettose dell’ambiente nelle quali il trasbordo è particolarmente semplice ed eseguirà un progetto pilota di verifica della fattibilità.

  • Costo totale del progetto: CHF 120'000.–
  • Contributo del COMO: CHF 48'067.–
  • Durata: 2016–2018
  • Contatto: Kanton Wallis, Dienststelle für Mobilität, Stefan Burgener, stefan.burgener@admin.vs.ch

Obiettivi

  • Continuare ad aumentare l'attrattiva del RER Valais/Wallis.
  • Ottimizzare, semplificare e rendere intuitive le catene di spostamenti.
  • Densificare i comprensori delle stazioni per garantire uno sviluppo sostenibile.

Risultato

  • Sono state elaborate linee guida per la costruzione e l'esercizio di stazioni regionali nel Cantone del Vallese.
  • Le linee guida considerano gli aspetti importanti per la promozione di una mobilità sostenibile e combinata, come ad esempio i parcheggi per biciclette.

Progetti conclusi 2017

     

In maniera ludica, una competizione tra classi scolastiche motiva i giovani ad utilizzare la bicicletta con maggiore frequenza. Durante l'anno scolastico, le classi del livello secondario II partecipano a un turno di qualificazione. I giovani effettuano un percorso in bicicletta con varie postazioni sui temi della meccanica, dell'agilità e della sicurezza stradale. Le classi che hanno accumulato più punti si qualificano per la finale.

  • Costo totale del progetto: CHF 625'520.–
  • Contributo del COMO: CHF 168'000.–
  • Durata: 2015–2017
  • Contatto: DÉFI VÉLO c/o Label Vert, info@defi-velo.ch
  • Ulteriori informazioni: www.defi-velo.ch

Obiettivi

  • Motivare i giovani a utilizzare la bicicletta con maggiore frequenza: più movimento nel quotidiano, meno rumore e più contatti sociali.
  • Migliorare la sicurezza del traffico in bicicletta per i giovani fra i 15 e i 20 anni.
  • 10 000 partecipanti imparano a conoscere la bicicletta attraverso il gioco, il divertimento e lo spirito di squadra.

Risultato

  • Lancio del progetto DEFI VELO in tre Cantoni della Svizzera tedesca (Basilea Città, Berna, Appenzello Esterno) e nell'Alto Vallese.
  • Prima finale svizzero tedesca a Zurigo.
  • Circa 6000 partecipanti.
  • Il 75 per cento dei partecipanti ha dichiarato che DEFI VELO li ha motivati a usare la bicicletta con maggiore frequenza.

Rapporto finale (in tedesco)

     

MIWO (Mobilitätsmanagement in Wohnsiedlungen) è un'offerta di consulenza per questioni di mobilità, destinata agli insediamenti residenziali. Con MIWO 2 tale servizio viene sviluppato ulteriormente, migliorato e, di conseguenza, il raggio d'azione esteso. L'offerta di consulenza viene estesa a insediamenti più piccoli, le misure di comunicazione vengono potenziate e viene istituito un servizio nella Svizzera romanda.

  • Costo totale del progetto: CHF 230'000.–
  • Contributo del COMO: CHF 100'000.–
  • Durata: 2015–2017
  • Contatto: Interessengemeinschaft MIWO c/o Fussverkehr Schweiz, Thomas Schweizer, thomas.schweizer@wohnen-mobilitaet.ch
  • Ulteriori informazioni: https://habitat-mobilite.ch

Obiettivi

  • Creazione di un servizio per la consulenza nella Svizzera romanda.
  • Ulteriore sviluppo dell'offerta MIWO per estenderla a piccoli insediamenti residenziali.
  • Istituzione di un programma di consulenza permanente.

Risultato

  • A Berna, Basilea, Wettingen e Zurigo sono state effettuate consultazioni in sette insediamenti residenziali.
  • La pagina Internet e il manuale MIWO sono stati tradotti in francese.
  • Sono stati sviluppati contatti con città e insediamenti residenziali della Svizzera romanda.
  • Durante il progetto, il tema della gestione della mobilità non era ancora sentito nella Svizzera romanda, per questo motivo entro la fine del progetto in Romandia non sono stati trovati insediamenti residenziali per una consulenza.

Rapporto finale (in tedesco)

     

Attraverso i Rail-Check e i Bike-Check, il Cantone del Vallese e i relativi Comuni partecipano alle spese di trasporto dei giovani in apprendistato o in formazione presso una scuola di grado secondario II. Se la distanza dal luogo di formazione supera i 2,5 km, i giovani ricevono un buono per le spese di trasporto pubblico. Se però tale tragitto è inferiore a 2,5 km, ricevono un buono da utilizzare in un negozio per la manutenzione della loro bicicletta. I Rail-Check e Bike-Check sono affiancati da misure nel settore della comunicazione, per promuovere maggiormente la scelta di forme di mobilità rispettose dell'ambiente.

  • Costo totale del progetto: CHF 150'780.–
  • Contributo del COMO: CHF 60'600.–
  • Durata: 2014–2017
  • Contatto: Kanton Wallis, Dienststelle für Mobilität, Pascal Bovey, pascal.bovey@admin.vs.ch
  • Ulteriori informazioni: www.vs.ch/de/web/rail-checks

Obiettivi

  • Aumento degli spostamenti dei giovani con i trasporti pubblici.
  • Promozione delle alternative all'auto: trasporti pubblici, traffico lento e car pooling.
  • I giovani sono a favore di forme di mobilità rispettose dell'ambiente e vi ricorreranno anche in età adulta.

Risultato

  • Sono stati inviati circa 6700 Rail-Check e 690 Bike-Check.
  • Il 19 per cento dei giovani che hanno ricevuto un Bike-Check lo hanno usato.
  • Il progetto è stato riproposto durante l'anno scolastico 2017/2018 ed è stato possibile includere un'ulteriore scuola di Visp.

Rapporto finale (in francese)

     

Durante i lavori di ristrutturazione di uno degli incroci più trafficati della Svizzera viene messa a disposizione una piattaforma online per la creazione di gruppi di car pooling. Questo sistema permette di trovare, mediante un'app o via Internet, varie possibilità di viaggio e passeggeri con cui condividere il veicolo.

  • Costo totale del progetto: CHF 139'560.–
  • Contributo del COMO: CHF 50'504.–
  • Durata: 2014–2017
  • Contatto: PostAuto Mobilitätslösungen, Eliane Leuzinger, publiride@postauto.ch
  • Ulteriori informazioni: www.badenmobil.ch

Obiettivi

  • Strade attorno alla città di Baden meno congestionate.
  • Car pooling: un'alternativa interessante rispetto alla guida in solitaria.
  • L'argomento del car pooling viene trattato dai media regionali e nazionali e presentato in modo posi-tivo, diventando così più popolare.

Risultato

  • Alla fine del progetto, il gruppo di car pooling comprendeva 800 partecipanti; non è stato possibile richiedere informazioni in merito alla regolarità dell'utilizzo del car pooling.
  • In media, le corrispondenze giornaliere tra offerte e richieste di viaggio sono state 24, tuttavia il numero di car pooling effettivo non è noto.
  • PubliRide Baden ha suscitato l'interesse dei media (stampa, web, radio).
  • L'obiettivo di decongestionare il traffico nel centro di Baden attraverso il car pooling/PubliRide Baden non ha potuto essere raggiunto.

Rapporto finale (in tedesco)

Progetti conclusi 2016

     

L'obiettivo del progetto è lo sviluppo di uno strumento moderno, attuale e di facile utilizzo per tutte le persone che si occupano di pianificazione, costruzione ed esercizio di impianti per il traffico pedonale. L'accesso a questo strumento attraverso Internet dev'essere il più semplice, ludico e adeguato possibile.

  • Durata: 2015–2016 (interrotto)
  • Contatto: atelier per pedes, GrobPlanung GmbH, Daniel Grob, daniel.grob@grobplanung.ch

Obiettivi

  • Istituzione di uno strumento moderno, aggiornabile e di facile utilizzo per chi si occupa di pianificazione, progettazione, costruzione e esercizio di impianti per la mobilità pedonale.
  • Orientamento verso questioni attuali e ricorrenti relative alla pianificazione di impianti per il traffico pedonale.
  • Pianificazione agevolata o migliorata degli impianti per il traffico pedonale.

Risultato

Il progetto è stato interrotto e non ha potuto essere portato a termine.

     

Durante le ore di punta le strade e i trasporti pubblici sono sovraffollati. Al fine di ridurre questi picchi di traffico, è in fase di sviluppo un'app che illustra forme alternative di mobilità per il tragitto verso il lavoro: car pooling, park+ride, biciclette elettriche, ecc. Le varie opzioni saranno testate in un progetto pilota e valutate a seconda della rispettiva efficacia.

  • Costo totale del progetto: CHF 188'437.–
  • Contributo del COMO: CHF 75'000.–
  • Durata: 2014–2016
  • Contatto: Mobitrends, Davide Marconi, davide.marconi@mobitrends.ch
  • Ulteriori informazioni: www.mobalt.ch

Obiettivi

  • Riduzione dei picchi di traffico.
  • Riduzione del 10 per cento del volume di traffico durante le ore di punta.
  • Analisi degli strumenti con cui si possono ridurre i picchi di traffico nel modo più efficace.

Risultato

  • 350 persone di 7 aziende diverse hanno preso parte al progetto pilota.
  • Sono state create tre nuove linee di bus navetta ben frequentate, rimaste in funzione anche dopo la conclusione del progetto pilota. Non appena si raggiungerà il numero minimo di interessati, si introdurranno presumibilmente due ulteriori linee.
  • Il bus navetta è stata la forma alternativa di mobilità che ha riscosso più successo; TP e la bicicletta quali alternative all'auto privata hanno riscosso meno successo.
  • Dopo la conclusione del progetto, solo un settimo circa dei partecipanti ha utilizzato l'auto privata per recarsi al lavoro; mentre all'inizio del progetto lo faceva all'incirca una persona su quattro.

Rapporto finale

     

Poiché a seguito di un trasloco cambia anche la mobilità quotidiana, è importante che il nuovo luogo di residenza disponga di soluzioni di mobilità sostenibili. Per questo motivo vengono testati diversi servizi di mobilità in un quartiere esistente per poi essere impiegati nel nuovo ecoquartiere «Les Vergers».

  • Costo totale del progetto: CHF 137'673.–
  • Contributo del COMO: CHF 59'000.–
  • Durata: 2014–2016
  • Contatto: Ville de Meyrin, Olivier Balsiger, olivier.balsiger@meyrin.ch
  • Ulteriori informazioni: www.lesvergers-meyrin.ch

Obiettivi

  • Rilevare le abitudini in termini di mobilità in un quartiere residenziale esistente per estrapolare le esigenze in termini di mobilità per un nuovo quartiere simile.
  • Dotare il nuovo ecoquartiere «Les Vergers» di servizi di mobilità adeguati.
  • I nuovi abitanti prediligono sempre di più le forme di mobilità sostenibili rispetto al trasporto individuale motorizzato.

Risultato

  • È stata costruita una nuova sede del sistema di ciclonoleggio Velospot dotata di cinque biciclette elettriche, le quali sono state noleggiate 122 volte in totale durante gli otto mesi del progetto.
  • È stata inaugurata una nuova stazione per un nuovo veicolo di Mobility Carsharing, che è stato noleggiato per un totale di 261 volte.
  • Sono stati distribuiti buoni per diversi servizi di trasporto pubblico e traffico lento. I buoni per gli abbonamenti FFS, gli abbonamenti regionali e il sistema di ciclonoleggio Velospot sono stati usati spesso.

Rapporto finale (in francese)

Progetti conclusi 2015

     

Sulla base dell’esempio del quartiere di Erlenmatt a Basilea e secondo i principi della miglior pratica internazionale, viene elaborato, direttamente attuato e valutato come esempio da applicare un piano generale per il bike sharing nel quartiere.

  • Durata: 2014–2015 (interrotto)
  • Contatto: Mobilitätsakademie, Jörg Beckmann, jbeckmann@tcs.ch

Obiettivi

  • Sviluppo di un masterplan per un sistema di bike sharing a livello di quartiere.
  • Implementazione nel quartiere di Erlenmatt, a Basilea. Con una revisione della strategia, sarà possibile riprodurre il progetto in quartieri simili.
  • Promuovere la mobilità quotidiana efficiente e semplificare la vita senz'auto.

Risultato

Il progetto è stato interrotto e non ha potuto essere portato a termine.

     

Il miglioramento dell'infrastruttura del traffico ciclistico è affiancato dall'opuscolo VELOguide, una misura del settore della comunicazione. Sebbene l'infrastruttura sia stata ampliata e ottimizzata da tempo, un terzo dei tragitti in auto continua ad essere inferiore ai 3 km, una distanza ideale da percorrere in bicicletta. Per questo motivo, con un progetto pilota si mira ad una migliore commercializzazione dell'infrastruttura del traffico ciclistico nella regione di Lyss e Vallée de Tavannes. Un opuscolo in formato cartina presenta in modo avvincente gli investimenti nell'infrastruttura del traffico ciclistico e le vie ciclabili esistenti.

  • Costo totale del progetto: CHF 135'379.–
  • Contributo del COMO: CHF 45'000.–
  • Durata: 2014–2015
  • Contatto: Tiefbauamt Kt. Bern - Fachstelle Langsamverkehr, Stephanie Stotz Simons, stephanie.stotz@bve.be.ch
  • Ulteriori informazioni: www.bve.be.ch

Obiettivi

  • Presentazione delle misure adottate per l'ampliamento dell'infrastruttura del traffico ciclistico; migliore visualizzazione delle vie ciclabili esistenti per il pubblico.
  • Motivare la popolazione a utilizzare la bicicletta con maggiore frequenza.
  • Aumento della quota del traffico ciclistico rispetto al traffico globale.

Risultato

  • L'opuscolo VELOguide per la regione di Lyss e Vallée de Tavannes è stato creato e distribuito a tutte le economie domestiche.
  • È stata svolta un'indagine sulla mobilità dei ciclisti nella regione di Lyss: il 41 per cento delle persone della regione e il 12 per cento di quelle provenienti da fuori della regione hanno affermato di conoscere VELOguide.
  • Per la maggior parte degli intervistati, VELOguide è uno strumento buono o molto buono.
  • Quasi una persona su tre che conosceva VELOguide l'aveva già utilizzata per pianificare un tragitto in bicicletta.

Rapporto finale (in tedesco)

     

Per soddisfare la crescente domanda di trasporto di biciclette con i trasporti pubblici, è in fase di sviluppo un rimorchio per AutoPostale. I precedenti rimorchi comportavano un grande dispendio di tempo per caricare le biciclette ed erano poco adatti alle biciclette elettriche, poiché l'elevato peso di queste ultime rendeva difficile il sollevamento.

  • Costo totale del progetto: CHF 164'240.–
  • Contributo del COMO: CHF 36'000.–
  • Durata: 2014–2015
  • Contatto: PostAuto Schweiz - Region Graubünden, Kurt Willi, kurt.willi@postauto.ch

Obiettivi

  • Sostituzione dei rimorchi per biciclette esistenti con Bikeporter, che può essere usato per tutti i tipi di veicoli a due ruote.
  • Carico e scarico a ogni fermata nel pieno rispetto dell'orario.

Risultato

  • Il Bikeporter è stato testato su diverse linee di AutoPostale e successivamente sono state apportate piccole modifiche tecniche.
  • È stato possibile creare la necessaria capacità per il trasporto di biciclette e facilitare il carico delle biciclette elettriche.
  • L'elevato peso del rimorchio ha comportato un aumento del consumo di carburante e una minore velocità media dell'AutoPostale.
  • Gli autisti hanno dovuto affiancare il processo di carico e scarico delle biciclette, ciò ha causato una certa pressione in termini di tempo per il rispetto dell'orario.

Rapporto finale (in tedesco)

     

BringBee è un progetto pionieristico nel settore delle forniture sostenibili nell'ultimo miglio. Soggetti privati sono coinvolti nella catena di fornitura: mettono a disposizione le proprie capacità di trasporto libere e svolgono consegne per altri.

Obiettivi

  • I clienti si mettono a disposizione per consegnare gli acquisti di altri clienti.
  • Creare una comunità di utenti di BringBee in Svizzera.
  • Illustrare soluzioni logistiche e di mobilità innovative.

Risultato

Il progetto è stato interrotto e non ha potuto essere portato a termine.

     

Braunwald, frazione del Comune di Glarona Sud, è una piccola e raffinata destinazione turistica senza automobili, adatta alle famiglie con figli. La caratteristica «senz'auto» è un elemento distintivo di Braunwald ed è di centrale importanza per lo sviluppo del Comune. Tale caratteristica viene messa in pratica in tutta la catena dei servizi turistici.

  • Costo totale del progetto: CHF 250'000.–
  • Contributo del COMO: CHF 75'000.–
  • Durata: 2014–2015
  • Contatto: Gemeinde Glarus Süd, Urs Keiser, urs.keiser@glarus-sued.ch
  • Ulteriori informazioni: www.braunwald.ch

Obiettivi

  • L'intera mobilità dei turisti, dall'arrivo alla partenza, è sostenibile e interessante dal punto di vista turistico.
  • Il funzionamento della funicolare, che si trova in una zona a rischio di scoscendimento, viene garantito a lungo termine in qualità di linfa vitale del luogo così come il collegamento con altri mezzi di trasporto (ad es. le FFS).
  • Il fabbisogno di elettricità per i veicoli, i campi sportivi e l'innevamento delle piste da sci è garantito dalla produzione locale.

Risultato

  • Commercializzazione dell'offerta «bagaglio da porta a porta»: il bagaglio viene trasportato gratuitamente dalla propria casa alla casa di vacanza.
  • L'esperienza dei turisti all'arrivo è stata perfezionata: miglioramento delle stazioni a valle e a monte nonché della segnalazione dalla stazione all'alloggio.
  • Sono state sviluppate e valutate diverse varianti per lo spostamento della funicolare.
  • Analisi e valutazione del sistema di mobilità di Braunwald: il potenziale di miglioramento risiede nell'introduzione di un parco veicoli comune (numero di veicoli ridotto), di un marchio comune e di una strategia di branding unica.

Rapporto finale (in tedesco)

     

FairPark è uno strumento informatico per la gestione della mobilità nelle imprese e nei Comuni, attraverso cui si possono gestire i parcheggi esistenti nonché altri servizi di mobilità. Può essere adattato in modo flessibile alle esigenze delle imprese e consente quindi di implementare misure di mobilità in modo semplice ed economico.

  • Costo totale del progetto: CHF 500'000.–
  • Contributo del COMO: CHF 80'000.–
  • Durata: 2013–2015
  • Contatto: Mobilidée, Giorgio Giovannini, giovannini@mobilidee.ch
  • Ulteriori informazioni: www.fairpark.ch

Obiettivi

  • Uso di FairPark in un gran numero di imprese e Comuni della Svizzera romanda e della Svizzera tedesca.
  • Riduzione del numero di posti auto necessari nelle imprese.
  • Aumento dell'uso delle alternative all'auto privata (ad es. TP) e del car pooling.

Risultato

  • Le imprese che usano FairPark hanno potuto ridurre mediamente del 31 per cento il numero di posti auto necessari.
  • I risultati della commercializzazione di FairPark sono stati inferiori alle previsioni; in futuro le misure di comunicazione saranno quindi intensificate e sarà attivata la rete di distribuzione esistente.
  • Grazie all'utilizzo di FairPark, tra luglio 2013 e novembre 2015 sono state risparmiate circa 16 300 tonnellate di CO2, ossia più del doppio di quanto previsto in origine.

Rapporto finale (in francese)

     

Mobility sta sviluppando un prodotto di car sharing per gli insediamenti residenziali senz'auto e con traffico limitato. Mobility può quindi offrire una soluzione che può essere implementata in tutti gli insediamenti e crea uno strumento per la pianificazione e la realizzazione di insediamenti residenziali senz'auto. Il nuovo prodotto di car sharing viene pubblicizzato con misure di accompagnamento nel settore della comunicazione.

  • Contributo del COMO: CHF 80'000.–
  • Durata: 2013–2015
  • Contatto: Mobility Genossenschaft, Hendrik Leschber, H.Leschber@mobility.ch
  • Ulteriori informazioni: www.mobility.ch

Obiettivi

  • Promozione della pianificazione e della realizzazione di insediamenti residenziali senz'auto o a traffico limitato.
  • Car sharing: strumento di pianificazione territoriale; conseguente riduzione dei parcheggi e del relativo consumo di superfici.
  • Contributo al trasferimento della mobilità giornaliera verso il trasporto pubblico, il traffico lento e la mobilità combinata.

Risultato

  • Dieci nuovi insediamenti residenziali sono stati equipaggiati con un totale di 16 veicoli Mobility, ciò corrisponde ad un risparmio di 5400 m2 di parcheggi.
  • Un totale di 306 residenti ha ricevuto un abbonamento gratuito a Mobility@home, con cui è possibile risparmiare circa 91 tonnellate di CO2 all'anno.
  • Grazie all'offerta di Mobility@home, in alcuni Comuni il numero di parcheggi da creare può essere ridotto se si realizzano insediamenti residenziali senz'auto.

     

Al fine di rendere più sostenibile la mobilità dei residenti di un insediamento residenziale, viene creata un'apposita offerta di consulenza. Il comportamento dei residenti in termini di mobilità viene esaminato sulla base di linee guida così da evidenziare le possibilità di miglioramento. Da ciò possono scaturire misure adeguate.

  • Costo totale del progetto: CHF 375'000.–
  • Contributo del COMO: CHF 120'000.–
  • Durata: 2012–2015
  • Contatto: Interessengemeinschaft MIWO c/o Fussverkehr Schweiz, Thomas Schweizer, thomas.schweizer@wohnen-mobilitaet.ch
  • Ulteriori informazioni: https://habitat-mobilite.ch

Obiettivi

  • Sviluppo di prodotti standardizzati (sondaggi, valutazioni, linee guida e checklist) per il rilevamento del comportamento e delle esigenze in termini di mobilità.
  • Implementazione della gestione della mobilità in sette insediamenti residenziali il più diversificati possibile.
  • Creare un punto di contatto e una piattaforma informativa.
  • Aumentare la popolarità del progetto nelle cerchie di esperti attraverso misure nel settore della comunicazione.

Risultato

  • Il manuale «MIWO - Mobilitätsmanagement in Wohnsiedlungen» contiene idee e concetti su come rendere più sostenibile la mobilità negli insediamenti residenziali.
  • Secondo il manuale, sono stati esaminati dieci insediamenti residenziali nelle città di Basilea, Berna, Losanna, Zurigo, Effretikon e Horgen ZH.
  • L'offerta in termini di formazione continua di MIWO non ha potuto essere integrata in un'offerta esistente; il sistema MIWO è stato tuttavia presentato in occasione di diversi eventi.

Rapporto finale (in tedesco)


Utilizziamo cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza possibile durante la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare sul nostro sito web, ti dichiari d’accordo con le nostre disposizioni in materia di protezione dei dati.