Pannelli solari fotovoltaici

{{translation.caption}}:


 I pannelli solari fotovoltaici trasformano la radiazione luminosa in energia elettrica.
 
Le celle solari sono composte da un semiconduttore – un materiale particolare in cui gli elettroni legati (carica negativa) possono liberarsi quando assorbono la luce (fotoni) e muoversi in varie direzioni. Questo effetto è chiamato fotoelettrico, ma ancora non produce corrente elettrica.
 
Per produrre corrente elettrica, gli elettroni devono circolare in una direzione precisa. A tal fine si sovrappongono due strati di semiconduttori, che vengono «drogati» (termine tecnico) con l’aggiunta di materiali specifici: sullo strato di pannello esposto alla luce viene aggiunto un materiale i cui atomi possiedono più elettroni rispetto a quelli del semiconduttore, mentre sullo strato inferiore viene aggiunto un materiale i cui atomi possiedono meno elettroni di quelli del semiconduttore. Non appena il sole colpisce i pannelli, gli elettroni dello strato superiore si mettono a circolare verso lo strato inferiore creando una corrente elettrica.
 
Sul mercato sono reperibili diverse tecnologie fotovoltaiche, ciascuna con le sue caratteristiche a seconda del tipo di cella o tecnologia utilizzata. Le più diffuse sono: monocristalline, multicristalline e a film sottile (silicio amorfo, micromorfo, CIS, CdTe). Trovi ulteriori informazioni su www.bipv.ch.

Pannelli solari fotovoltaici

{{translation.caption}}:


 I pannelli solari fotovoltaici trasformano la radiazione luminosa in energia elettrica.
 
Le celle solari sono composte da un semiconduttore – un materiale particolare in cui gli elettroni legati (carica negativa) possono liberarsi quando assorbono la luce (fotoni) e muoversi in varie direzioni. Questo effetto è chiamato fotoelettrico, ma ancora non produce corrente elettrica.
 
Per produrre corrente elettrica, gli elettroni devono circolare in una direzione precisa. A tal fine si sovrappongono due strati di semiconduttori, che vengono «drogati» (termine tecnico) con l’aggiunta di materiali specifici: sullo strato di pannello esposto alla luce viene aggiunto un materiale i cui atomi possiedono più elettroni rispetto a quelli del semiconduttore, mentre sullo strato inferiore viene aggiunto un materiale i cui atomi possiedono meno elettroni di quelli del semiconduttore. Non appena il sole colpisce i pannelli, gli elettroni dello strato superiore si mettono a circolare verso lo strato inferiore creando una corrente elettrica.
 
Sul mercato sono reperibili diverse tecnologie fotovoltaiche, ciascuna con le sue caratteristiche a seconda del tipo di cella o tecnologia utilizzata. Le più diffuse sono: monocristalline, multicristalline e a film sottile (silicio amorfo, micromorfo, CIS, CdTe). Trovi ulteriori informazioni su www.bipv.ch.