Macchine rotanti

{{translation.caption}}:


Il 44 per cento del consumo annuo di energia elettrica in Svizzera è ascrivibile agli azionamenti elettrici – ad esempio agli impianti di refrigerazione, dell’aria compressa, di ventilazione e di pompaggio.

L’analisi del potenziale di risparmio nel consumo di energia elettrica da parte di macchine rotanti e impianti di convogliamento e movimentazione illustra le tecnologie più diffuse e i relativi campi d’impiego. In tutta la Svizzera oggi un milione circa di macchine rotanti e impianti convogliatori consuma 4 TWh di elettricità all’anno, dei quali 3,2 TWh vengono consumati direttamente da azionamenti elettrici. Ogni anno entrano in funzione circa 56’000 nuovi macchinari.

I tre principali campi di applicazione sono:

  • tecnologia della produzione: modifica della geometria di un pezzo in lavorazione
  • tecnologia dei processi industriali: modifica delle caratteristiche di un pezzo in lavorazione
  • tecnologia di convogliamento e movimentazione: modifica della posizione di un pezzo in lavorazione

Le macchine rotanti e gli impianti di convogliamento e movimentazione sono impiegati in vari modi, principalmente però nelle industrie alimentare, chimica, tessile e del legno, nella lavorazione della pietra, del metallo e della plastica, nella depurazione delle acque reflue, nelle tipografie e nel settore terziario (ad es. settore alberghiero, centri commerciali, centri logistici, centri di smistamento).

Il potenziale di risparmio a livello tecnico ed economico di tali macchine e impianti è stimato essere in circa 1 TWh all’anno a medio termine. Ciò equivale all’incirca a un quarto del consumo annuo di elettricità di tutte le macchine rotanti e tutti gli impianti di convogliamento e movimentazione. È possibile conseguire risparmi di energia elettrica in primo luogo impiegando tecnologie ad alta efficienza e dimensionando correttamente gli impianti. Gli esempi sono elencati qui di seguito in ordine d’importanza:

  • impiego di nuovi motori ad alta efficienza e correttamente dimensionati
  • miglioramento tecnologico del processo e dell’integrazione dei vari componenti, compreso l’impiego di convertitori di frequenza e sistemi di controllo
  • riduzione al minimo di perdite energetiche in stand-by
  • riduzione delle operazioni inutili grazie a migliori sistemi di monitoraggio e regolazione

Dallo studio è emerso che in questo ambito tematico e in particolare anche nel settore della tecnologia di convogliamento e movimentazione è insito un notevole potenziale di efficienza che può essere sfruttato impiegando tecnologie moderne ed efficienti.

Sono inoltre in servizio anche circa 30 milioni di macchine a mano (trapani, seghe circolari, mescolatori ecc.) e azionatori (per porte, valvole ecc.) dal consumo energetico trascurabile.

Macchine rotanti

{{translation.caption}}:


Il 44 per cento del consumo annuo di energia elettrica in Svizzera è ascrivibile agli azionamenti elettrici – ad esempio agli impianti di refrigerazione, dell’aria compressa, di ventilazione e di pompaggio.

L’analisi del potenziale di risparmio nel consumo di energia elettrica da parte di macchine rotanti e impianti di convogliamento e movimentazione illustra le tecnologie più diffuse e i relativi campi d’impiego. In tutta la Svizzera oggi un milione circa di macchine rotanti e impianti convogliatori consuma 4 TWh di elettricità all’anno, dei quali 3,2 TWh vengono consumati direttamente da azionamenti elettrici. Ogni anno entrano in funzione circa 56’000 nuovi macchinari.

I tre principali campi di applicazione sono:

  • tecnologia della produzione: modifica della geometria di un pezzo in lavorazione
  • tecnologia dei processi industriali: modifica delle caratteristiche di un pezzo in lavorazione
  • tecnologia di convogliamento e movimentazione: modifica della posizione di un pezzo in lavorazione

Le macchine rotanti e gli impianti di convogliamento e movimentazione sono impiegati in vari modi, principalmente però nelle industrie alimentare, chimica, tessile e del legno, nella lavorazione della pietra, del metallo e della plastica, nella depurazione delle acque reflue, nelle tipografie e nel settore terziario (ad es. settore alberghiero, centri commerciali, centri logistici, centri di smistamento).

Il potenziale di risparmio a livello tecnico ed economico di tali macchine e impianti è stimato essere in circa 1 TWh all’anno a medio termine. Ciò equivale all’incirca a un quarto del consumo annuo di elettricità di tutte le macchine rotanti e tutti gli impianti di convogliamento e movimentazione. È possibile conseguire risparmi di energia elettrica in primo luogo impiegando tecnologie ad alta efficienza e dimensionando correttamente gli impianti. Gli esempi sono elencati qui di seguito in ordine d’importanza:

  • impiego di nuovi motori ad alta efficienza e correttamente dimensionati
  • miglioramento tecnologico del processo e dell’integrazione dei vari componenti, compreso l’impiego di convertitori di frequenza e sistemi di controllo
  • riduzione al minimo di perdite energetiche in stand-by
  • riduzione delle operazioni inutili grazie a migliori sistemi di monitoraggio e regolazione

Dallo studio è emerso che in questo ambito tematico e in particolare anche nel settore della tecnologia di convogliamento e movimentazione è insito un notevole potenziale di efficienza che può essere sfruttato impiegando tecnologie moderne ed efficienti.

Sono inoltre in servizio anche circa 30 milioni di macchine a mano (trapani, seghe circolari, mescolatori ecc.) e azionatori (per porte, valvole ecc.) dal consumo energetico trascurabile.