Lampade a LED & Co.

{{translation.caption}}:


Il 12 per cento del consumo di energia elettrica in Svizzera è ascrivibile all’illuminazione; secondo gli esperti, questo valore potrebbe essere dimezzato entro il 2025 utilizzando in modo coerente prodotti illuminotecnici efficienti. Oltre all’utilizzo di lampade a risparmio energetico è decisiva anche la scelta dei corpi illuminanti stessi.

LED’s go!

Per un’illuminazione efficiente non si può fare a meno delle lampade a LED. Esse convincono non solo per una buona qualità dell’illuminazione, ma sono le migliori anche in fatto di efficienza energetica e durata di vita. Inoltre rispettano l’ambiente e anche il portafoglio, come mostra la tabella seguente.

Con poche eccezioni, esiste inoltre una soluzione a LED praticamente per tutte le applicazioni illuminotecniche domestiche.

» Opuscolo «Illuminazione efficiente nelle economie domestiche»

Il lumen è il nuovo watt

Il valore dei watt dice poco sulla luminosità di una lampada a LED. Per poter confrontare meglio i prodotti è buona norma usare come nuovo parametro il flusso luminoso misurato in lumen. È il valore che indica quanta luce emette una lampada. In linea di massima meno lumen corrispondono anche a meno watt. Una vecchia lampadina a incandescenza da 60 watt corrisponde a una lampada che emette circa 800 lumen.

Al tuo prossimo acquisto ti conviene dunque confrontare lampade differenti con lo stesso numero di lumen e scegliere poi il prodotto rientrante nella migliore classe di efficienza energetica.

Il trasformatore come ostacolo

Il passaggio dalle lampade alogene a quelle a LED funziona senza problemi con lampade ad alta tensione (230 V), mentre con le lampade a bassa tensione (ad es. 12 V) con trasformatore a monte può essere un po’ più difficile. I trasformatori elettronici per lampade alogene sono normalmente progettati per un carico maggiore (spesso riportato sul trasformatore, ad es. con la dicitura “45 W – 135 W”) che non può essere raggiunto con le lampade a LED. Ne risulta un tremolio dei LED o la mancata accensione dei LED. In questo caso si consiglia di sostituire il trasformatore con un modello progettato per lampade a LED.

Regolazione dell’intensità luminosa dei LED

Il passaggio a una sorgente luminosa efficiente è molto semplice: basta sostituire la lampada alogena con una a LED. Se però c’è in gioco anche un dimmer il passaggio ai LED diventa un po’ più complicato. Infatti, benché molte lampade a LED siano dimmerabili, l’interazione tra dimmer e lampade a LED non è ancora così semplice come potrebbe essere a causa della mancanza di norme specifiche. Il nuovo opuscolo di SvizzeraEnergia «Regolazione dell’intensità luminosa dei LED – buono a sapersi» mostra come passare a un’illuminazione efficiente e dimmerabile.

Se si rende necessaria la sostituzione del dimmer, si consiglia di far eseguire questo lavoro da un elettricista.

Scelta del corpo illuminante adatto allo scopo

Ai fini del risparmio energetico, la scelta del corpo illuminante giusto riveste almeno la stessa importanza della sostituzione della vecchia lampadina a incandescenza con la lampada a basso consumo più adatta. Un corpo illuminante a basso consumo è caratterizzato innanzitutto da un’elevata efficienza, ma anche dalla possibilità di direzionare il fascio luminoso, da un alto grado di rendimento, dalla buona limitazione dell’abbagliamento e dalla facilità di manutenzione. I riflettori all’interno del corpo illuminante contribuiscono inoltre ad aumentare la potenza radiante. Un altro aspetto da non trascurare è la compatibilità tra il corpo illuminante scelto e la lampada a risparmio energetico: ad esempio, di norma non è possibile installare una lampada a LED in un faretto alogeno ad alto voltaggio acquistato in un centro fai da te.

I corpi illuminanti più recenti sono dotati di lampade a LED installate in modo permanente. Ciò offre il vantaggio di una migliore distribuzione della luce e una riduzione dell’effetto abbagliante. Grazie al raffreddamento ottimizzato, questi nuovi corpi illuminanti a LED vantano anche una maggiore durata di vita.

Consigli

Oltre alla scelta delle lampade e dei corpi illuminanti giusti, anche rivedere le proprie abitudini in fatto d’illuminazione può aiutare a ridurre in misura sensibile il consumo di energia elettrica. Lampade da lettura a LED, ad esempio, non emettono praticamente calore e possono essere orientate in modo tale da non disturbare con le emissioni luminose il partner che sta dormendo.

» Tutte le pubblicazioni in materia di illuminazione

Lampade a LED & Co.

{{translation.caption}}:

Il 12 per cento del consumo di energia elettrica in Svizzera è ascrivibile all’illuminazione; secondo gli esperti, questo valore potrebbe essere dimezzato entro il 2025 utilizzando in modo coerente prodotti illuminotecnici efficienti. Oltre all’utilizzo di lampade a risparmio energetico è decisiva anche la scelta dei corpi illuminanti stessi.

LED’s go!

Per un’illuminazione efficiente non si può fare a meno delle lampade a LED. Esse convincono non solo per una buona qualità dell’illuminazione, ma sono le migliori anche in fatto di efficienza energetica e durata di vita. Inoltre rispettano l’ambiente e anche il portafoglio, come mostra la tabella seguente.

Con poche eccezioni, esiste inoltre una soluzione a LED praticamente per tutte le applicazioni illuminotecniche domestiche.

» Opuscolo «Illuminazione efficiente nelle economie domestiche»

Il lumen è il nuovo watt

Il valore dei watt dice poco sulla luminosità di una lampada a LED. Per poter confrontare meglio i prodotti è buona norma usare come nuovo parametro il flusso luminoso misurato in lumen. È il valore che indica quanta luce emette una lampada. In linea di massima meno lumen corrispondono anche a meno watt. Una vecchia lampadina a incandescenza da 60 watt corrisponde a una lampada che emette circa 800 lumen.

Al tuo prossimo acquisto ti conviene dunque confrontare lampade differenti con lo stesso numero di lumen e scegliere poi il prodotto rientrante nella migliore classe di efficienza energetica.

Il trasformatore come ostacolo

Il passaggio dalle lampade alogene a quelle a LED funziona senza problemi con lampade ad alta tensione (230 V), mentre con le lampade a bassa tensione (ad es. 12 V) con trasformatore a monte può essere un po’ più difficile. I trasformatori elettronici per lampade alogene sono normalmente progettati per un carico maggiore (spesso riportato sul trasformatore, ad es. con la dicitura “45 W – 135 W”) che non può essere raggiunto con le lampade a LED. Ne risulta un tremolio dei LED o la mancata accensione dei LED. In questo caso si consiglia di sostituire il trasformatore con un modello progettato per lampade a LED.

Regolazione dell’intensità luminosa dei LED

Il passaggio a una sorgente luminosa efficiente è molto semplice: basta sostituire la lampada alogena con una a LED. Se però c’è in gioco anche un dimmer il passaggio ai LED diventa un po’ più complicato. Infatti, benché molte lampade a LED siano dimmerabili, l’interazione tra dimmer e lampade a LED non è ancora così semplice come potrebbe essere a causa della mancanza di norme specifiche. Il nuovo opuscolo di SvizzeraEnergia «Regolazione dell’intensità luminosa dei LED – buono a sapersi» mostra come passare a un’illuminazione efficiente e dimmerabile.

Se si rende necessaria la sostituzione del dimmer, si consiglia di far eseguire questo lavoro da un elettricista.

Scelta del corpo illuminante adatto allo scopo

Ai fini del risparmio energetico, la scelta del corpo illuminante giusto riveste almeno la stessa importanza della sostituzione della vecchia lampadina a incandescenza con la lampada a basso consumo più adatta. Un corpo illuminante a basso consumo è caratterizzato innanzitutto da un’elevata efficienza, ma anche dalla possibilità di direzionare il fascio luminoso, da un alto grado di rendimento, dalla buona limitazione dell’abbagliamento e dalla facilità di manutenzione. I riflettori all’interno del corpo illuminante contribuiscono inoltre ad aumentare la potenza radiante. Un altro aspetto da non trascurare è la compatibilità tra il corpo illuminante scelto e la lampada a risparmio energetico: ad esempio, di norma non è possibile installare una lampada a LED in un faretto alogeno ad alto voltaggio acquistato in un centro fai da te.

I corpi illuminanti più recenti sono dotati di lampade a LED installate in modo permanente. Ciò offre il vantaggio di una migliore distribuzione della luce e una riduzione dell’effetto abbagliante. Grazie al raffreddamento ottimizzato, questi nuovi corpi illuminanti a LED vantano anche una maggiore durata di vita.

Consigli

Oltre alla scelta delle lampade e dei corpi illuminanti giusti, anche rivedere le proprie abitudini in fatto d’illuminazione può aiutare a ridurre in misura sensibile il consumo di energia elettrica. Lampade da lettura a LED, ad esempio, non emettono praticamente calore e possono essere orientate in modo tale da non disturbare con le emissioni luminose il partner che sta dormendo.

» Tutte le pubblicazioni in materia di illuminazione