Consumo proprio

{{translation.caption}}:


Il consumo proprio ti permette di produrre la tua elettricità solare sul tetto di casa tua e di consumarla senza passare per la rete elettrica, alla quale però continuerai naturalmente ad essere collegato. Se produci più di quanto consumi (ad esempio in una giornata estiva), la tua azienda elettrica locale è tenuta ad acquistare e rimunerare il tuo surplus di produzione. Inversamente, se la tua produzione non è sufficiente a coprire il tuo consumo (ad esempio in inverno o di notte), potrai attingere l’elettricità dalla rete.

Case unifamiliari

Hai diritto a consumare l’energia elettrica autoprodotta direttamente sul luogo di produzione (consumo proprio): per ogni chilowattora prodotto dal tuo impianto e consumato in proprio risparmi circa 25 centesimi sui costi d’acquisto. Così all’anno puoi risparmiare tra CHF 500.- e CHF 1000.-.

 

Case plurifamiliari

Il opuscolo «Elettricità solare per il consumo proprio» mostra, sull’esempio di Andreas Appenzeller, proprietario di una casa plurifamiliare, perché conviene investire in un proprio impianto solare e come realizzarlo in quattro passi.

Flusso di corrente
Flusso di corrente

Flusso di denaro
Flusso di denaro

Mentre l’impianto solare produce energia elettrica, questa viene contemporaneamente consumata all’interno dell’immobile. È quello che si chiama autoconsumo simultaneo. Il proprietario dell’impianto vende la corrente solare agli affittuari alla tariffa del punto più alto della rete, ovvero a 25 ct/kWh.

In certi momenti l’impianto solare produce più corrente di quanta se ne consumi. Per evitare che questa energia vada persa, è possibile immetterla nella rete del distributore locale. In cambio il proprietario dell’impianto riceve generalmente 10 ct/kWh.

In certi momenti nell’immobile si consuma più corrente di quanta ne produca l’impianto. In questo caso si attinge alla rete del fornitore di energia. L’importo della tariffa al punto più alto della rete è generalmente di 25 ct/kWh.

Perché l’azienda elettrica acquista la corrente a 10 cts./kWh e la vende a 25 cts./kWh? La tariffa di 25 cts./kWh è determinata dal prezzo della corrente acquistata, ma anche dai costi di utilizzazione della rete (trasporto della corrente dalla centrale elettrica a casa tua) e da diverse tasse e imposte (tassa di incentivazione per le energie rinnovabili, concessioni comunali e cantonali).

Pronto a installare il tuo impianto solare?

Vai a «Il mio impianto solare: passo dopo passo». Ulteriori informazioni si trovano nella nostra panoramica delle domande più frequenti.

Consumo proprio

{{translation.caption}}:


Il consumo proprio ti permette di produrre la tua elettricità solare sul tetto di casa tua e di consumarla senza passare per la rete elettrica, alla quale però continuerai naturalmente ad essere collegato. Se produci più di quanto consumi (ad esempio in una giornata estiva), la tua azienda elettrica locale è tenuta ad acquistare e rimunerare il tuo surplus di produzione. Inversamente, se la tua produzione non è sufficiente a coprire il tuo consumo (ad esempio in inverno o di notte), potrai attingere l’elettricità dalla rete.

Case unifamiliari

Hai diritto a consumare l’energia elettrica autoprodotta direttamente sul luogo di produzione (consumo proprio): per ogni chilowattora prodotto dal tuo impianto e consumato in proprio risparmi circa 25 centesimi sui costi d’acquisto. Così all’anno puoi risparmiare tra CHF 500.- e CHF 1000.-.

 

Case plurifamiliari

Il opuscolo «Elettricità solare per il consumo proprio» mostra, sull’esempio di Andreas Appenzeller, proprietario di una casa plurifamiliare, perché conviene investire in un proprio impianto solare e come realizzarlo in quattro passi.

Flusso di corrente
Flusso di corrente

Flusso di denaro
Flusso di denaro

Mentre l’impianto solare produce energia elettrica, questa viene contemporaneamente consumata all’interno dell’immobile. È quello che si chiama autoconsumo simultaneo. Il proprietario dell’impianto vende la corrente solare agli affittuari alla tariffa del punto più alto della rete, ovvero a 25 ct/kWh.

In certi momenti l’impianto solare produce più corrente di quanta se ne consumi. Per evitare che questa energia vada persa, è possibile immetterla nella rete del distributore locale. In cambio il proprietario dell’impianto riceve generalmente 10 ct/kWh.

In certi momenti nell’immobile si consuma più corrente di quanta ne produca l’impianto. In questo caso si attinge alla rete del fornitore di energia. L’importo della tariffa al punto più alto della rete è generalmente di 25 ct/kWh.

Perché l’azienda elettrica acquista la corrente a 10 cts./kWh e la vende a 25 cts./kWh? La tariffa di 25 cts./kWh è determinata dal prezzo della corrente acquistata, ma anche dai costi di utilizzazione della rete (trasporto della corrente dalla centrale elettrica a casa tua) e da diverse tasse e imposte (tassa di incentivazione per le energie rinnovabili, concessioni comunali e cantonali).

Pronto a installare il tuo impianto solare?

Vai a «Il mio impianto solare: passo dopo passo». Ulteriori informazioni si trovano nella nostra panoramica delle domande più frequenti.