Auto elettriche: domande e miti da sfatare

20.11.2020

{{translation.caption}}:


Sempre più cittadine e cittadini svizzeri acquistano auto elettriche. Nell’aprile del 2019 l’auto più venduta è stata un’auto elettrica. Questa tendenza fa sorgere molte domande e una serie di falsi miti sul bilancio energetico della nuova tecnologia.

Dal 2015 a questa parte il numero di immatricolazioni di automobili dotate di un sistema di propulsione alternativa sta aumentando sensibilmente. Le auto diventano sempre più efficienti e i sistemi di propulsione sempre più variegati. Prezzi abbordabili e lo sviluppo di accumulatori più potenti rendono competitive le auto elettriche rispetto alle auto alimentate in modo convenzionale. A tutto ciò si aggiunge un numero sempre più crescente di case automobilistiche e modelli.

Con l’ampliarsi dell’offerta cresce però anche l’incertezza. Le auto elettriche sono davvero così rispettose dell’ambiente come tutti dicono? Qui troverai le risposte alle domande più frequenti e ai falsi miti sorti intorno alle auto a propulsione elettrica.

 

  1. Le batterie delle auto elettriche non sono molto peggio per l’ambiente rispetto a un motore a combustione interna?

La fabbricazione di auto elettriche è più complessa e ha un impatto maggiore sull’ambiente rispetto a quella dei convenzionali motori a combustione interna alimentati a benzina o a gasolio. Un confronto eloquente tra le varie modalità di propulsione tiene però conto anche di altri fattori: la produzione dell’intera automobile, l’esercizio, la messa a disposizione dei carburanti e lo smaltimento o il riciclaggio. Il bilancio ambientale lungo l’intero ciclo di vita di un’auto è il parametro comparativo più significativo. Il confronto diretto tra un’auto elettrica e una a benzina “media” mostra che per una durata di vita media di 200 000 chilometri un’auto elettrica risparmia 34 tonnellate di CO2. In Svizzera un’auto elettrica compensa le maggiori emissioni di gas a effetto serra derivanti dalla produzione già dopo 30 000 km. Si aggiunge poi il fatto che l’attuale mix elettrico svizzero è al 60% rinnovabile. Le auto elettriche così alimentate generano già oggi nel corso del loro intero ciclo di vita molte meno emissioni di CO2 rispetto alle automobili convenzionali dotate di motore a combustione interna.

 

  1. La Svizzera è in grado di produrre abbastanza elettricità se tutti passano a un’auto elettrica?

In base alle prospettive energetiche, nel lungo periodo il fabbisogno di elettricità per la mobilità elettrica nel 2050 sarà compresa, a seconda dello scenario, tra i 2,5 e i 6,3 terawattora (TWh), il che equivale all’incirca al 4-11% dell’odierno consumo di elettricità della Svizzera. Nelle prospettive energetiche 2050 sono state calcolate diverse varianti per l’offerta di elettricità. Se tutte le automobili fossero elettriche in Svizzera, il consumo di elettricità sarebbe compreso tra gli 11 e i 13 Twh circa, ossia corrisponderebbe all’incirca al 20% dell’attuale fabbisogno di elettricità della Svizzera. Nel lungo periodo l’elettricità necessaria per la mobilità elettrica potrà essere assicurata in primo luogo attraverso incrementi dell’efficienza in altri settori e tramite il potenziamento di nuove fonti di energia rinnovabile.

 

  1. Le auto elettriche non sono molto più costose rispetto alle auto a combustione interna?

Le auto elettriche sono più costose al momento dell’acquisto rispetto alle convenizionali automobili con motore a combustione interna alimentate a benzina o a gasolio. Come per numerosi investimenti in tecnologie sostenibili ed energeticamente efficienti, il vantaggio in termini di prezzo si manifesta anche per le auto elettriche solo nei conteggi a lungo termine. Con un prezzo della benzina di CHF 1.60 e un consumo di sette litri ogni 100 km, un’auto con motore a benzina costa CHF 0.11 al chilometro. Con un prezzo dell’elettricità di CHF 0.14 al chilowattora (kWh) e un consumo di 20 kWh ogni 100 km, un’auto con motore elettrico costa circa tre centesimi al chilometro.

 

  1. Qual è l’autonomia delle auto elettriche?

L’autonomia delle moderne auto elettriche varia, a seconda del modello e della capacità della batteria, tra i 200 e i 600 km. Ad ogni modo, l’autonomia dipende anche dalle condizioni meteo, dalla topografia, dallo stile di guida e dal peso dell’auto. Il tragitto medio casa-lavoro in Svizzera è di 30-40 km. Già oggi le autonomie delle auto elettriche sono dunque più che sufficienti per soddisfare la maggior parte delle esigenze di tutti i giorni.

 

  1. Esiste un numero sufficiente di stazioni di ricarica per le auto elettriche?

Un’automobile sta ferma in media 23 ore al giorno. Dunque le batterie delle auto elettriche possono essere caricate nottetempo a casa o durante il giorno presso il luogo di lavoro. In alternativa puoi anche usufruire dell’infrastruttura di ricarica pubblica. La Svizzera vanta una delle reti di stazioni di ricarica pubbliche per auto elettriche più capillare d’Europa. Sul sito www.ich-tanke-strom.ch trovi una panoramica completa delle stazioni di ricarica pubbliche per auto elettriche dislocate su tutto il territorio nazionale. Puoi vedere in tempo reale quali stazioni di ricarica sono attualmente disponibili.

 

Qui troverai ulteriori informazioni in merito ai più recenti sviluppi nella mobilità elettrica e negli altri sistemi di propulsione alternativa (opuscolo «Veicoli a basso consumo energetico – Tendenze di mercato 2020»).

Il Catalogo dei consumi offre un elenco e possibilità di confronto con tutte le auto dotate di sistemi di propulsione alternativa.


Utilizziamo cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza possibile durante la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare sul nostro sito web, ti dichiari d’accordo con le nostre disposizioni in materia di protezione dei dati.