Nuovo opuscolo «Dispositivi elettronici efficienti nelle economie domestiche»

15.12.2016

{{translation.caption}}:


Televisori, set top box, modem, stampanti, PC o laptop: questi e altri apparecchi elettronici si trovano quasi in ogni economia domestica in Svizzera e sono responsabili del 10-25 per cento del consumo totale di elettricità in casa.

Circa la metà dell’energia elettrica consumata potrebbe essere risparmiata se gli apparecchi elettronici venissero spenti del tutto anziché lasciati in stand-by. Nella modalità stand-by continuano infatti a consumare corrente. Da uno studio pubblicato dall’Ufficio federale dell’energia emerge che il potenziale di risparmio insito in tale ambito è enorme: lo si può quantificare in circa 700 gigawattora, equivalenti alla produzione annua della centrale idroelettrica di Laufenburg.

Per sensibilizzare le consumatrici e i consumatori alla problematica del consumo in stand-by, SvizzeraEnergia ha pubblicato il nuovo opuscolo  «Dispositivi elettronici efficienti nelle economie domestiche», che tra l’altro contiene molti consigli di risparmio mirati a ridurre il consumo in stand-by in casa senza penalizzare il comfort di utilizzo. Spesso ci vogliono solo un paio di minuti per programmare il set top box o il modem in modo che non funzionino ininterrottamente, ma solo nel momento in cui servono davvero. Anche se il consumo in stand-by di ciascun apparecchio elettronico può sembrare irrisorio, il consumo totale incide in misura notevole sul bilancio energetico dell’economia domestica. Vale dunque la pena prestare un occhio di riguardo anche a questo aspetto.

L’opuscolo di SvizzeraEnergia fornisce non solo importanti consigli su come utilizzare gli apparecchi elettronici, ma anche informazioni in merito alle etichette in uso nel settore degli apparecchi elettronici e spiega a cosa bisogna prestare attenzione quando se ne acquista uno nuovo. Infatti gli apparecchi elettronici più vecchi di solito consumano molta più energia di quelli nuovi. Per fare un esempio, un vecchio televisore a tubo catodico consuma cinque volte più energia rispetto a un moderno televisore a LED della classe di efficienza A+ con pari diagonale dello schermo. Può essere dunque davvero ragionevole rimpiazzare un vecchio apparecchio.