Nuova guida «Riscaldamento e raffreddamento con acque reflue»

23.11.2016

{{translation.caption}}:


In Svizzera un terzo dell’energia finale è tuttora utilizzato per il riscaldamento degli ambienti e per la produzione di acqua calda, con conseguente emissione di elevate quantità di CO2. Affinché sia possibile una loro riduzione, occorrono da una parte interventi sull’involucro degli edifici, dall’altra vale la pena utilizzare in misura maggiore le energie rinnovabili e il calore residuo per coprire il fabbisogno termico.

La tecnologia che permette di sfruttare il calore contenuto nelle acque di scarico non è nuova: i relativi impianti sono operativi da diversi decenni sia in Svizzera che all’estero e hanno dato buoni risultati. Il progresso tecnico consente un costante ampliamento degli utilizzi e rende il sistema interessante per unità sempre più piccole. È recente la possibilità di recuperare addirittura l’energia contenuta nell’acqua della doccia del proprio bagno di casa.

In Svizzera, il potenziale economico del calore residuo è stimato a lungo termine a due terawattora all’anno. Quest’energia potrebbe soddisfare il fabbisogno termico di circa 150'000 nuclei familiari. Oltre allo sfruttamento del calore, lo stesso sistema permette di raffreddare l’edificio in estate.

Il calore delle acque di scarico è ecologico e neutrale sotto il profilo delle emissioni di CO2. Si tratta di energia indigena pulita e che può essere utilizzata in loco. Proprio nell’ambito della moderna edilizia Minergie, le acque di scarico rappresentano l’ultima grossa «perdita» di calore negli edifici, che può essere così colmata.

Trovi maggiori informazioni su possibilità applicative, economia d’esercizio e finanziamento e tanto altro ancora nell‘opuscolo «Riscaldamento e raffreddamento con acque reflue - Guida per committenti, Comuni ed esercenti».

Il recupero del calore avviene nell’edificio stesso, nella rete fognaria o nell’impianto di depurazione. Il recupero avviene con l’ausilio dei quattro componenti principali 1– 4 nel modo seguente:

  1. Scambiatore di calore
  2. Pompa di calore
  3. Caldaia
  4. Rete di riscaldamento

Principio dello sfruttamento del calore delle acque di scarico con componenti principali (1–4) sull’esempio dell’estrazione di calore dalla rete fognaria.